Mille Miglia 2020: vincono Andrea e Roberto Vesco su Alfa Romeo

Sicuramente, un’edizione della Mille Miglia storica molto particolare: il 2020 non è un anno come tutti gli altri, a causa dell’emergenza Coronavirus. E già il fatto che la gara si sia corsa in ottobre, fa capire che la situazione è diversa da quella degli altri anni. Tuttavia, è ugualmente stato possibile percorrere la rievocazione storica della Mille Miglia anche nel 2020, con meravigliose vetture d’epoca in viaggio da Brescia e ritorno, percorrendo 1.700 km tra bellissime località italiane, dove non sono mai mancati gli appassionati. A vincere quest’anno sono stati Roberto e Andrea Vesco, padre e figlio, con l’Alfa Romeo 6C 1750 GS Zagato del 1929 del Team Villa Trasqua, con il numero 46.

Non una novità: questa vettura Alfa Romeo ha vissuto momenti di gloria nelle Mille Miglia storiche, e nelle rievocazioni, e anche i Vesco sono stati premiati in passato, ma mai correndo insieme. Seconda posizione per Sergio Sisti, già al primo posto nel 2001, e Anna Gualandi, su Lancia Lambda Spider Casaro del 1929 n. 45, e al terzo posto Gianmaria Fontanella e Anna Maria Covelli, anch’essi su una vettura analoga ma VII serie del 1927, con il numero 28. La Coppa delle Dame per l’equipaggio femminile è stata invece assegnata a Silvia Marini e Francesca Ruggeri, 24me assolute su una Bugatti T40 del 1929, mentre la Coppa delle Nazioni è stata vinta dagli olandesi John Houtkamp e Micheline Houtkamp-Van Bussel, al decimo posto e primi stranieri classificati, su Lancia Lambda Tipo 233 Corto del 1928 numero 31.

Oltre alla particolarità dell’emergenza sanitaria, che ha costretto ad un’organizzazione straordinaria per ogni parte della gara, ci sono stati due elementi caratteristici: la difficoltà del percorso, anche per le condizioni meteo avverse in alcuni tratti (un esempio il Passo della Cisa alla sera e tra la nebbia nella terza tappa), e la presenza di noti personaggi del mondo dell’automobile, in questo caso Eddie Irvine all’arrivo di Brescia, che ha promesso di competere alla Freccia Rossa entro 5 anni. E a proposito di Ferrari, è da citare anche il Ferrari Tribute to 1000 Miglia, vinto da Salim Al Rifai e Giordano Mozzi su Ferrari 488 Pista del 2018.

Le Classifiche

1000 Miglia
Ferrari Tribute