McLaren Elva, 815 CV e 399 esemplari per l’ultima supercar di McLaren

Dopo le anticipazioni estive, McLaren Automotive lancia la sua nuova supercar ad altissime prestazioni: la McLaren Elva. Si tratta di una produzione limitata a 399 esemplari che fa parte della linea Ultimate Series, come P1, Senna e Speedtail, e con un prezzo di partenza definito esattamente in 1.737.731 euro, ma destinato a salire con le personalizzazioni firmate MSO, McLaren Special Operations. Perché Elva? Il nome, i cui diritti sono stati acquisiti dalla casa inglese, ricorda la collaborazione con il piccolo costruttore di sportive per realizzare le storiche scoperte due posti da competizione McLaren-Elva M1A e M1L, progettate negli anni ’60 da Bruce McLaren. La versione originaria seguiva i classici canoni dell’epoca, con telaio tubolare, roll-bar, e carrozzeria con parafanghi ben in evidenza, a carenare i cerchi dalla gommatura abbondante. La nuova generazione ne riprende la filosofia e le proporzioni generali, ma ridefinisce ogni elemento secondo la tecnologia più recente, e in base anche alle attuali normative di sicurezza. L’abitacolo, ad esempio, più rimanendo scoperto, risulta meglio avvolto dalla carrozzeria, mentre sono conservati i parafanghi tondeggianti, compreso quello posteriore, talmente lungo da definire il design dell’intera fiancata; inoltre, un particolare gioco bicolore permette di richiamare la livrea e la struttura della MaLaren-Elva originaria. La differenza principale sta invece nella definizione dei volumi generali, nei quali la gestione dei flussi d’aria superiori e inferiori risulta molto più curata.

La tecnologia moderna, come telaio, carrozzeria e sedili in fibra di carbonio o freni in ceramica al carbonio sinterizzato, permettono robustezza ma anche riduzione del peso, al punto da farne la McLaren Automotive più leggera finora realizzata. Mancano tetto, parabrezza e finestrini, grazie al sistema di gestione dell’aria attiva AAMS che permette di orientare il flusso dell’aria, proteggendo gli occupanti. Quanto alle prestazioni, i cavalli del motore McLaren V8 biturbo sono ben 815, con scatto da 0 a 100 km/h in meno di 3 secondi, e da 0 a 200 km/h in 6,7 secondi, superando la velocissima McLaren Senna. E, oltre agli scarichi Inconel e titanio a quattro uscite che migliorano riducono la contropressione e quindi influiscono sulle prestazioni oltre che sul sound, la Elva dispone di aerodinamica attiva, con sospensioni attive idrauliche collegate ad uno specifico sterzo elettroidraulico. Le consegne delle prime vetture inizieranno alla fine del 2020.