Grand Tour di Montecarlo di Lucca, la 18ma edizione insieme al Registro Storico Touring Superleggera

Si è svolta lo scorso 6 ottobre 2019 la 18ma edizione del Grand Tour di Montecarlo, in provincia di Lucca, organizzato dal Kursaal Car Club di Montecatini guidato dal presidente Cesare Natali e affiliato A.A.V.S. La manifestazione di quest’anno ha presentato una novità, ospitando le auto del Registro Storico Touring Superleggera, che dal venerdì precedente avevano iniziato il proprio raduno. Per il Gran Tour, gli oltre 40 equipaggi si sono ritrovati in via Nuova a Montecarlo alla domenica mattina, per l’iscrizione. 

Come illustrato dalle immagini, tante le vetture storiche presenti: moltissime Porsche, dalla 356 alla 911, comprese una 944 Turbo e una Volkswagen Porsche 914 2.0; varie Alfa Romeo, tra cui una GTA, alcune Duetto e una delle 450 Giulia Nuova Super 1600 giardinetta del 1975 costruite dalla Carrozzeria Giorgetti di Montecatini, e condotta dal suo creatore Roberto Giorgetti; diversi modelli Lancia, come Appia 3a serie, una Beta coupé VX, una Delta Evo1 e molte Fulvia coupé, compresa una Sport Zagato 2a serie; una Fiat 1500 6 cilindri del 1938, e una Fiat 1600 S Osca spider; molte inglesi come MG A, MG B, TR3A, e Morgan 4/4; le Maserati Biturbo, tra cui una delle 369 Shamal da 326 CV; alcune tedesche, come le Mercedes, ad esempio le SL W 107 e W 129, e una Opel GT 1900 dai caratteristici fari a scomparsa.

Il Grand Tour quest’anno ha portato gli equipaggi presso la Cava Naldini di Vellano, con la visita all’ultima cava di pietra serena in attività e sede da quattro anni di un simposio di scultura e di un concorso; quindi, l’ingresso al Museo del cavatore e del minatore. Verso Montecarlo, l’unione con le 35 auto del registro Touring Superleggera, tra le quali l’Alfa Romeo 1900 SS, le Lancia Flaminia, di cui una proveniente dalla Danimarca, una Aston Martin DB4 del 1961 e una Sunbeam Venezia Touring del 1964, prima vettura al mondo ad entrare in Piazza San Marco a Venezia durante la presentazione nel 1963. Infine, i 90 equipaggi hanno sfilato in via Roma, a Montecarlo, presentati da Carlo Carugati, ricevendo anche le targhe tricolore per i modelli più datati dal colore verde (Fiat 1500 del 1938), bianco (Triumph TR3 A del 1958) e rosso (Alfa Romeo Giulia 1600 Spider del 1962).