Articoli del 22 maggio 2012

« Design: Futurò concept, di Pierpaolo Lazzarini  -  Virtual Car: Alfa Romeo Carlo Chiti, di Marco Procaccini »


Personaggi dell’automobilismo: Rigolo

di Piero Vanzetti alle 20:00

rigolo_pv_f520

Per chi negli anni passati ha avuto l’occasione di partecipare ad un track-day nel comprensorio Fiat di Balocco, ha avuto l’opportunità di conoscere Gianfranco Rigolone, amici e colleghi lo chiamano più semplicemente ‘Rigolo’ e, per tutti, è il pompiere dal piede molto pesante. A dicembre 2010 è andato in pensione dopo 32 anni di servizio, avendo iniziato a lavorare per Alfa Romeo e successivamente per FIAT quando la multinazionale torinese nel 1986 entrò in possesso del comprensorio trasformandolo nell’attuale proving ground per il gruppo, la più grande struttura del suo genere in Europa.
Ho avuto occasione di incontrare Gianfranco in occasione dell’ultimo track-day della Scuderia del Rostro che si è tenuto il 1° aprile scorso. Mario Bertola, presidente della Scuderia ha invitato Rigolo alla manifestazione e lui non si è tirato indietro, aiutando l’organizzazione nel regolare gli accessi sulla pista del Misto Alfa.

È stato un ritorno al passato e insieme abbiamo ricordato le tante volte che sono stato a Balocco, ad iniziare con il Valsesia Lancia Story nel giugno 2000. All’epoca partecipai con la mia Fulvia 3, in quanto la Zagato era ancora in restauro e la Delta era un piano ancora da concepire. In quell’occasione, Rigolone mi portò a bordo della 164 Quadrifoglio Q4, a trazione integrale, con il Busso a 24 valvole sapientemente rivisto nelle prestazioni dai tecnici di Balocco (avevo adocchiato la lancetta del contagiri navigare agilmente oltre i 7.000), trasformata in pick-up da Ravizza con sospensione posteriore a doppio ammortizzatore, ospitando nel cassone un estintore a polvere da 100 kg. La conoscenza della pista e la docilità dell’automobile che rispondeva fedelmente ai suoi precisi comandi nasconde un trucco: Gianfranco aveva seguito i corsi di guida veloce tenuti per i collaudatori dall’Alfa Romeo. La passione per le automobili ha fatto il resto.

L’ultima volta che ho avuto occasione di incontrarlo in servizio lungo le piste è stato a dicembre 2009, durante l’evento di Natale del Lancia Club. All’epoca avevamo parlato a lungo citando alcuni dei personaggi del mondo della formula 1 che aveva incontrato quali Bruno Giacomelli, Patrick Depailler, Eddie Cheever, René Arnoux, Andrea De Cesaris. In questa occasione, oltre a ricordare gli eventi passati a cui ho partecipato, Gianfranco mi racconta quando anni addietro aveva conosciuto nel 1984 Juan Manuel Fangio che accompagnava il nipote omonimo che correva sulla Ralt RT3 motorizzata con i motori Alfa Romeo Novamotor. Parliamo anche degli anni d’oro della Lancia che, abbandonando progressivamente l’utilizzo dell’impianto della Mandria, portava le Delta Gr. A sulle piste di Balocco. Lele Pinto era ospite fisso 3 giorni al mese, a cui si aggiungevano gli altri piloti ufficiali, tra i quali Biasion e Aghini erano i più assidui.

Rigolo mi racconta inoltre che i primi track days furono quelli organizzati dalla Scuderia del Portello, seguita da altri sodalizi importanti quali il Club Italia. Il meccanismo di questi eventi è una macchina ben oliata e parlarne genera un po’ di nostalgia, quella che ha spinto Rigolone a partecipare entusiasta alla manifestazione della Scuderia del Rostro.

Nel pomeriggio, io e Rigolone facciamo un paio di giri con la Delta, e con lui verifico la correttezza delle traiettorie, finalmente sono io ad ospitare Rigolone sulla mia auto. Parliamo ancora delle vetture speciali che ha avuto in dotazione, che oltre alla 156 GTA in versione Sportwagon comprendono Alfa 6 ed Alfetta. Di quest’ultima, mi racconta lo sviluppo della versione GTV Balocco e di quella con il motore di 3.000 cc per il mercato sudafricano.
Mi racconta anche che a volte, posata la divisa da pompiere, ha indossato la tuta ed il casco del collaudatore per aiutare a rispettare le scadenze di progetto .

In conclusione 32 anni passati in un posto meraviglioso dove la passione per le auto ha potuto realizzarsi in pieno, una nostalgia fortissima che nemmeno l’impegno come Vice Sindaco di Greggio riesce a nascondere.

rigolo_pv_01 rigolo_pv_02 rigolo_pv_03 rigolo_pv_04 rigolo_pv_05 rigolo_pv_06 rigolo_pv_07 rigolo_pv_08 rigolo_pv_09 rigolo_pv_10 rigolo_pv_11 rigolo_pv_12 rigolo_pv_13 rigolo_pv_14 rigolo_pv_15 rigolo_pv_16 rigolo_pv_17

- Piero Vanzetti per Virtual Car

Bookmark and Share



3 commenti »

  1. [...] [...]

    Pingback di [164] Rozmowy o AR 33/164 - mini Shoutbox - Strona 92 — 24 maggio 2012 @ 22:31

  2. SEI UN GRANDE!!!
    COMPLIMENTONI!!!

    Commento di Stefania — 8 giugno 2012 @ 11:06

  3. SEI un grande

    Commento di PIPPO — 13 giugno 2012 @ 17:50

RSS feed dei commenti a questo articolo.

Lascia un commento



« Design: Futurò concept, di Pierpaolo Lazzarini  -  Virtual Car: Alfa Romeo Carlo Chiti, di Marco Procaccini »



VirtualCar.it   Google


Pagine


  • Iniziative

  • Servizi e utilità

  • Siti amici


  • Archivi:


    Meta

    RSS
    RSS dei commenti
    RSS English
    RSS FeedBurner


    Ultimi commenti:




    Argomenti Popolari:



    Virtualcar.it: Copyright © 2004-2013 ArtisImago - Alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons
    Content manager: ArtisImago P.I. 01036100111