Nuova Volvo XC90: considerazioni sul design

nuova-volvo-xc-90_520

Il centro stile Volvo, guidato da Thomas Ingenlath, prosegue nel percorso di rinnovamento stilistico dell’intera gamma, in concomitanza con il nuovo pianale modulare SPA che sarà condiviso da diversi modelli. La nuova Volvo XC90 è il primo frutto di questo percorso, espresso in una vettura di serie, e anticipato da due concept car, la Concept Coupé e la XC Coupé Concept.

In realtà la XC90 è lontana dall’idea della coupé shooting brake, come le concept potevano far immaginare: trattandosi di una vettura spaziosa, alto di gamma e a 7 posti, l’impianto generale è piuttosto tradizionale, affidando la definizione della “personalità” ad alcuni dettagli, derivati in gran parte dalle concept citate. Il primo elemento, che nelle concept ha avuto una progressiva evoluzione, è proprio il frontale: gli elementi caratterizzanti sono i fari, con le luci diurne a LED a forma di T, o di “Martello di Thor”, e la calandra ampia e cromata, a listelli verticali, che ha perso la “concavità” della coupé per una forma lievemente convessa, più semplice e regolare, ma anche importante. Muso alto, linea di spalla sporgente ma non troppo sinuosa, finestratura ampia e dalle linee regolari, montante inclinato ma non troppo -per ottenere un bagagliaio ampio e spazio per la testa anche per i passeggeri dietro: la fiancata appare piuttosto classica, con parafanghi allargati per ospitare cerchi fino alle dimensioni “maxi” di 22″. Altro elemento originale è invece in coda, con le curiose luci verticali che formano una “C” nella zona del portellone sotto il lunotto, che dispone così di un ampio vano targa lievemente concavo, senza dover ospitare parte delle luci.

Un design massiccio e concreto, anche per affiancarsi alla concorrenza, compresa quella dei mercati extra-europei, e per gestire oò posizionamento della XC90 all’interno della gamma: probabilmente troveremo linee più fluide in modelli più compatti. Questo si vede anche all’interno: rispetto all’abitacolo avvolgente delle concept, si è optato per una plancia a sviluppo orizzontale ma molto ampia, al punto da ospitare al centro uno schermo disposto verticalmente, affiancato dalle bocchette di areazione. Molto completa la dotazione multimediale, dal navigatore Ericsson di tipo cloud alla disponibilità a richiesta dei sistemi operativi integrati con smartphone Apple e Android. Proviene dalle concept la scelta dei materiali come il legno (svedese) e la pelle, secondo un concetto di “lusso scandinavo”, semplice e raffinato, nel pieno della tradizione del marchio.

Tecnicamente, oltre ai sistemi di sicurezza in caso di uscita di strada e al sistema di frenata automatica in presenza di ostacolo agli incroci, sono da segnalare i motori a benzina T6 2 litri tubo e sovralimentato da 325 CV e il diesel D5 2 litri biturbo da 228 CV con cambio automatico a 8 marce; entrambi i motori sono disponibili nella First edition, con 1927 esemplari numerati disponibili da settembre solo online. Seguirà quindi il diesel D4 da 193 CV e, al top, l’ibrida plug-in T8, con il motore elettrico che aziona le ruote posteriori, con un totale di 405 CV.

Nuova Volvo XC90: considerazioni sul design
Tagged on:             

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Più informazioni

Il settaggio dei cookie per questo sito web è impostato su "permetti Cookies" per permetterti la miglior esperienza possibile di navigazione, Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare il settaggio dei cookie o premendo "Accetto" potrai proseguire la navigazione senza limitazioni. The Cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close