Articoli del 18 marzo 2008

« Design: Fiat Grande Punto Abarth, di João Luiz Diaz  -  Arte: Juan Manuel Fangio, di Joaquim Ros »


Il Marchio Ermini al Museo Bonfanti-Vimar

di Federica Ratti alle 09:10

fiat_ermini_ 1100_cc_sport_barchetta.jpg

Nell’ambito della rassegna “Automobili Made in Italy, più di un secolo di storia tra miti e rarità” si è tenuta lo scorso 8 marzo al Museo dell’Automobile “Bonfanti-Vimar” di Romano d’Ezzelino (VI) una Tavola Rotonda dedicata all’Ermini, marchio simbolo non solo della tecnologia e della creatività toscana, ma anche e soprattutto del “Made in Italy”.

All’esterno del museo bassanese hanno fatto bella mostra di sé quattro vetture, a rinverdire i fasti del costruttore fiorentino Pasquino Ermini, una meteora nel panorama motoristico italiano degli anni ’40 e ’50, la cui storia è ancora oggi poco conosciuta. Ghiotta occasione per ammirare la Fiat Ermini Siluro del 1949, con telaio derivato 1100 modificato da Gilco, motore Fiat Ermini 1100 bialbero e carrozzeria Motto. Accanto, la Fiat Ermini del 1950, con telaio tubolare Gilco, motore Fiat Ermini 1100 bialbero e carrozzeria Motto modificata Mariani. Per continuare con l’Ermini Sport Internazionale del 1951, con telaio tubolare Gilco, motore Ermini 1100 bialbero monoaccensione e carrozzeria Motto. Infine, l’Ermini 357 del 1955, con telaio tubolare Gilco, motore Ermini 1500 bialbero doppia accensione e carrozzeria Scaglietti.

Un prestigioso poker di auto con sullo sfondo il rinnovato marchio “Officina Ermini Firenze” che Eugenio Ercoli e Stefano Pandolfi, dinamici imprenditori fiorentini e collezionisti di auto d’epoca, intendono promuovere.

Non solo, ma durante la Tavola Rotonda bassanese, oltre che della storia, delle corse e delle vittorie dell’Ermini, illustrate da una serie infinita di immagini e commentate da Ercoli, si è dato rilievo, con le parole di Pandolfi, alla rinascita del marchio fiorentino, col progetto di una nuova vettura Ermini, in collaborazione con l’Università degli Studi di Firenze. Un’auto da costruire con criteri rigorosamente artigianali, una barchetta degli anni ’50 rivisitata con gli stilemi moderni, motore anteriore 2 litri e trazione posteriore, 270 CV a 8.500 giri/minuto, circa 950 Kg. di peso, tanto da impiegare poco più di 4 secondi e mezzo per raggiungere da 0 i 100 Km orari.

Da una parte il progetto della nuova Ermini, dunque, dall’altra l’applicazione del marchio fiorentino su alcuni prestigiosi prodotti di fine artigianato, eseguiti con la stessa passione e cura con cui Pasquino Ermini costruiva i suoi motori bialbero, veri capolavori di tecnologia.

La filosofia del prodotto Ermini, che si distingue per l’alto tasso di artigianalità dei suoi articoli unito ad un contenuto tecnologico di prim’ordine e ad un design degno dei maestri artigiani che ha reso Firenze famosa nel mondo, è messa in pratica con le scarpe sportive da guida che Ermini andrà a produrre, fatte interamente a mano con design e particolari innovativi per rendere la guida Ermini più piacevole e sicura. Il design moderno ed esclusivo, ed il fatto che le scarpe siano fatte a mano, rendono il prodotto particolarmente indicato e comodo per l’uso di tutti i giorni.

Tale filosofia è stata applicata anche per la costruzione dell’orologio cronografo Ermini. Realizzato interamente in titanio da artigiani fiorentini avrà, oltre alle normali funzioni dei cronografi, la capacità di misurare il tempo totale di durata della gara ed una resistenza alla pressione di 5 bar. Il cronografo Ermini sarà inizialmente prodotto, in una serie limitatissima di 20 esemplari, con movimento automatico svizzero di altissima precisione, recante incise sul fondello le caratteristiche tecniche delle venti automobili “prototipo” costruite da Ermini dal 1946 al 1956.

- Virtual Car, Museo dell’Automobile “Bonfanti-VIMAR”

Bookmark and Share



2 commenti »

  1. [...] dell’Automobile Bonfanti-Vimar una conferenza dedicata ad un celebre marchio fiorentino, Ermini, che con il nome «Officina Ermini Firenze» ,si intende ora riportare in vita, grazie [...]

    Pingback di Design: Ermini concept, di Krassi Dimitrov | Virtual Car — 14 aprile 2009 @ 11:51

  2. finalmente il nome ermini
    torna alla ribalta.
    presto si vedra una fiat panda
    anno 2007 veramente una BOMBA
    MOTORE BIALBERO COME DA
    TRADIZIONE,TRAZIONE ANTERIORE
    240CV,A 9200 GIRI/MINUTO

    A PRESTO..

    Commento di PAOLO ERMINI — 23 maggio 2012 @ 23:29

RSS feed dei commenti a questo articolo.

Lascia un commento



« Design: Fiat Grande Punto Abarth, di João Luiz Diaz  -  Arte: Juan Manuel Fangio, di Joaquim Ros »



VirtualCar.it   Google


Pagine


  • Iniziative

  • Servizi e utilità

  • Siti amici


  • Archivi:


    Meta

    RSS
    RSS dei commenti
    RSS English
    RSS FeedBurner


    Ultimi commenti:




    Argomenti Popolari:



    Virtualcar.it: Copyright © 2004-2013 ArtisImago - Alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons
    Content manager: ArtisImago P.I. 01036100111