Il Fiat 500 Club Italia festeggia i 60 anni del “Cinquino” al Museo e al Meeting di Garlenda

Il 4 luglio 1957, proprio nella ricorrenza dell’Indipendence Day, compariva la prima Fiat 500. Un simbolo di rinascita, di famiglia, di design ai massimi livelli della semplicità, nata da Dante Giacosa, e dopo la Fiat 600 principale artefice della motorizzazione in Italia, oggi ambasciatrice di solidarietà e di turismo a misura d’uomo, lo «Slow Drive». Rimangono in circolazione ancora più di 400.000 esemplari, decisamente un record per un modello storico, su una produzione di 4 milioni di veicoli; e per celebrare la festa dei 60 anni del modello, ecco arrivare come di consueto il Meeting internazionale del Fiat 500 Club Italia di Garlenda (Savona), in un’edizione speciale dal 7 al 9 luglio, ma anche una festa speciale proprio alla mattina del 4 luglio.

Si comincia con la festa dedicata ai 60 anni della Fiat 500 presso il Museo Nazionale della 500 “Dante Giacosa”, il giorno 4 luglio dalle 9 alle 12, con ingresso libero per l’intera giornata e uno speciale francobollo celebrativo dell’anniversario nel suo primissimo giorno di emissione, acquistabile con annullo filatelico presso la postazione temporanea delle Poste Italiane. Ci saranno altre iniziative: l’inaugurazione del nuovo allestimento del Museo, rimesso a nuovo e ampliato; la presentazione il volume del libro «Un Mito Italiano – La 500: fenomeno sociale e di costume», che racconta l’ascesa da auto popolare a mito universalmente riconosciuto; l’uscita del numero speciale di 4PiccoleRuote, rivista ufficiale del Club, sulla Fiat Nuova 500. E una torta simbolica con 60 candeline portata dalla 500 Giardiniera del socio olandese Robert Boot.

Il meeting del 2017, giunto alla 34ma edizione, si terrà invece sempre a Garlenda e dintorni nei giorni dal 7 al 9 luglio: sono già iscritte oltre mille Fiat 500 da tutto il mondo, grazie all’iniziativa del Fiat 500 Club Italia, che vanta 21.000 soci, un quarto dei quali sotto i 40 anni e iscritti da oltre 20 nazioni. Tra le proposte delle tre giornate, escursioni alla scoperta del territorio, incontri culturali, serate musicali, bagni notturni nel mare di Alassio, e la possibilità di visitare la mostra BeRevolution, dove la 500 è il “finestrino” sul mondo, dal Piemonte al Giappone, per riconoscere l’uguaglianza delle persone a prescindere dalla differenze. E, per concludere, la grande sfilata delle coloratissime 500 presso l’ippodromo dei Fiori di Villanova d’Albenga.

Il Fiat 500 Club Italia festeggia i 60 anni del “Cinquino” al Museo e al Meeting di Garlenda

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Più informazioni

Il settaggio dei cookie per questo sito web è impostato su "permetti Cookies" per permetterti la miglior esperienza possibile di navigazione, Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare il settaggio dei cookie o premendo "Accetto" potrai proseguire la navigazione senza limitazioni. The Cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close