Due novità Ferrari realizzate al Centro Stile: 488 Challenge e SP275 RW Competizione

Il Centro di Design Ferrari diretto da Flavio Manzoni lavora non solo sulle normali vetture di produzione, ma anche su auto a destinazione speciale: è il caso delle recentissime Ferrari 488 Challenge, destinata alle corse, o della one-off SP275 RW Competizione, ispirata alla 275 GTB/C del 1964. Entrambe le vetture sono state presentate alle Finali Mondiali a Daytona.

La Ferrari 488 Challenge, vettura che sarà consegnata ai clienti per la partecipazione alle serie internazionali del Ferrari Challenge, è la sesta auto nella storia di questo monomarca, che nel 2017 festeggia i 25 anni, con più di 1.000 gare disputate. Duplice l’obiettivo del Centro di Design: ottenere il massimo delle performance, cercando da un lato di rendere comunque leggibile il design della 488 di serie, dall’altro di evitare il più possibile l’impiego di appendici aerodinamiche e artifici tecnici aggiunti al corpo vettura, cercando invece di integrare ogni elemento al contesto generale. Troviamo quindi, ad esempio, una ridefinizione delle aperture e degli splitter anteriori per ridisegnare un frontale simile a quello della 488, reso ancora più aerodinamico con il ridimensionamento dei fari alla sola parte inferiore, ma con l’inclinazione invertita del radiatore, cui corrispondono un frontale più ampio e nuove aperture vicino alle ruote. La fiancata, con la già efficiente feritoia posteriore, è stata ridefinita soprattutto nella zona inferiore, mentre in coda i fari circolari sono diversamente integrati nel contesto, migliorando l’aerodinamica con un’ala più grande e l’accesso al motore, con cofano diversamente sagomato e dotato di tre sfoghi d’aria e flap integrati. Tecnicamente il modello è il primo dotato di turbo nella categoria monomarca, con il V8 3,9 litri da 670 CV con una specifica mappatura per migliorare la precedente 458 Challenge EVO, e con il cambio F1 DCT.

Fa parte invece dell’ambito dei progetti speciali la Ferrari SP275 RW Competizione, derivata dalla F12 Berlinetta e ispirata all’omonima antenata degli anni ’60. La vettura è stata consegnata a un collezionista in Florida, e dispone del V12 da 6.262 cc aspirato, accreditato nella versione di serie di 740 CV. Qui la difficoltà è comunque a tutte le altre one-off: fatta salvo l’imprinting del modello di partenza, occorre suggerire qualcosa del modello storico di riferimento, senza però “copiare” ma creando qualcosa di moderno ed inedito. I richiami alla 275 GTB/C sono numerosi, a cominciare dalla particolare distribuzione delle feritoie a “branchie”, dalla forma di padiglione, finestratura e montante posteriore, e dalla forma caratteristica degli scudi paraurti soprattutto nella zona inferiore: grazie alla colorazione nera, è garantita la funzione aerodinamica, ma vengono anche simulate le carrozzerie storiche, interamente metalliche.

Due novità Ferrari realizzate al Centro Stile: 488 Challenge e SP275 RW Competizione
Tagged on:                             

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Più informazioni

Il settaggio dei cookie per questo sito web è impostato su "permetti Cookies" per permetterti la miglior esperienza possibile di navigazione, Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare il settaggio dei cookie o premendo "Accetto" potrai proseguire la navigazione senza limitazioni. The Cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close