BMW 2002 Hommage, a Ville d’Este un omaggio alla Serie 02 di Michelotti

bmw-2002-hommage_550

Come di consueto, al Concorso d’Eleganza Villa d’Este, BMW, organizzatore e fuori dalla competizione, ha colto l’occasione per mostrare un’inedita concept car: seguendo la prassi di questi ultimi anni, la scelta è ricaduta su un omaggio celebrativo, questa volta in relazione ai 50 anni della BMW Serie 02, modello di Giovanni Michelotti importantissimo per il successivo sviluppo della casa. La nuova concept car prende dunque il nome di BMW 2002 Hommage.

La sfida è stata particolarmente complessa, perché non si è partiti da un foglio bianco, ma da un modello esistente, l’attuale Serie 2 Coupé, che per proporzioni e dimensioni, compresi i tre volumi con due sole portiere, richiama più da vicino quelle della Serie 02, allora collocata sul mercato come una media-superiore. Difficilissimo, quindi, riproporre con un modello attuale le innovative idee di Giovanni Michelotti, che dalla Serie 02 hanno fatto scuola praticamente per tutte le BMW successive: il frontale inclinato con il doppio rene sottile, la linea di spalla unica con il cofano avvolgente, il caratteristico andamento della finestratura.

Il responsabile del marchio, Karim Habib, ha scelto quindi di richiamare liberamente il modello originario nello spirito del “piacere di guida”, ma anche nella dimensione racing: l’ispirazione, infatti, è venuta dalla BMW 2002 Turbo del 1973, prima vettura europea con turbocompressore, che rispetto alla versione base era dotata di appendici aerodinamiche, cerchi specifici e una livrea caratteristica. Da qui, dunque, si è partiti per definire la forma aerodinamica della 2002 Hommage: le linee della 2 Coupé, nell’inedita tinta Space Race Metal e con le decorazioni “M”, sono dissimulate dai grandi parafanghi per i cerchi bicolore da 20″ e dagli scudi, dotati di grandi aperture dinamiche, che sembrano appoggiati sulla carrozzeria, pur definendo un volume globalmente sportivo come sull’originale -questo si nota in particolar modo nell’angolo superiore del cofano, quasi “staccato” dal contesto.

E’ stato quindi possibile disegnare in modo netto una linea di spalla unica, evidenziata dalla fibra di carbonio a vista, e anche riprogettare totalmente frontale e coda: davanti il doppio rene è a sviluppo orizzontale, con fari singoli come nell’originale, mentre dietro le luci orizzontali e l’ampio spoiler del’originale sono stati ridefiniti in un insieme unico e con le tecnologie attuali, sempre con gli sfoghi d’aria laterali in grande evidenza, e una doppia coppia di scarichi.

Alcune finezze da auto da corsa sono da riscontrare, poi, nella finitura opaca antiriflesso della parte superiore della carrozzeria, nei fanali con riflettore esterno dorato, e persino nella scritta “Turbo” a rovescio per essere visibile negli specchietti delle auto che precedono. Una libera interpretazione moderna, che ci mostra i passi avanti nella tecnologia, e anche le altissime potenzialità sportive di un modello compatto come la Serie 2, che però non riesce a superare l’equilibrio stilistico della 2002, in un’epoca in cui le grandi berlinette sportive erano più compatte, con proporzioni lunghe, strette e non troppo alte, visibilità totale, forme coerenti e abitacolo dagli spazi regolari, garantendo un piacere di guida senza molte intermediazioni elettroniche, pur nella difficoltà del controllo.

I Commenti sono chiusi

Virtual Car
Automobili e Fantasia - translate
Salone di Parigi 2016
CATEGORIE
ARCHIVI

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Più informazioni

Il settaggio dei cookie per questo sito web è impostato su "permetti Cookies" per permetterti la miglior esperienza possibile di navigazione, Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare il settaggio dei cookie o premendo "Accetto" potrai proseguire la navigazione senza limitazioni. The Cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close