Autostyle 2015, un’edizione da… favola

autostyle_2015

Autostyle, la competizione di design giunta alla 12ma edizione, si è riproposta quest’anno nell’incantevole cornice di Villa di Bagno a Porto Mantovano. Un’iniziativa che si rinnova annualmente e che rappresenta un unicum nel panorama del design automobilistico, promossa da Berman SpA, sotto la guida illuminata del professor Roberto Artioli, con Auto&Design e Wacom. L’edizione 2015 ha proposto conferenze di particolare interesse, molto incentrate sul made in Italy, e ha visto esposte nel parco della Villa vetture di pregio degne di un salone internazionale, senza perdere di vista la ricerca di giovani talenti, molti dei quali sono stati “scoperti” in passato proprio con la partecipazione al concorso, e lavorano attualmente per i centri stile delle case di tutto il mondo.

Autostyle design competition nasce infatti come concorso per giovani studenti di scuole di design chiamati a “rivestire” alcune concept e vetture di produzione con accessori di pregio, nel solco dell’attività principale dell’azienda. Caratteristica di quest’anno è stata l’origine orientale di tutti i vincitori dei premi principali, scelti tra i finalisti selezionati come di consueto dalla giuria tecnica: Pan Dai, che studia al Politecnico di Milano, è stato premiato dalla giuria nella categoria urban cars, mentre Hosan Song è stato premiato nella categoria sport car; Pan Dai e Xingyu Yang hanno ricevuto i premi di Auto & Design, mentre Xingyu Yang, con la rielaborazione della concept Bentley Exp 10 Speed 6, ha ottenuto anche il premio del pubblico, e la sua elaborazione è stata anche la nostra preferita. Ovviamente, l’augurio per tutti i finalisti, studenti di scuole di design internazionali che hanno realizzato disegni di qualità, è di riuscire a trasformare passione e talento in una professione, come molti di coloro che li hanno preceduti. Alcuni di questi studenti hanno potuto anche testare le ultime novità di casa Wacom, realizzando bozzetti in diretta nel corso della serata di gala di giovedì 1 ottobre.

Il momento delle conferenze, concentrato nella mattina di venerdì 2 ottobre, è stato quest’anno di particolare interesse, avendo come protagoniste alcune attesissime vetture italiane, sotto il titolo generale di “Tre belle Favole nell’auto”. Alessandro Maccolini e Inna Kondakova del Centro Stile Alfa Romeo hanno illustrato la genesi di uno dei modelli più attesi e commentati del momento, la nuovissima Alfa Romeo Giulia, sottolineando i dettagli stilistici esterni e interni, i legami con il passato e lo sguardo verso il futuro; sulla Giulia avremo modo di tornare a breve, con un’intervista specifica. Alessandro Salvagnin dal Centro Stile Lamborghini ha invece mostrato il percorso della prossima Urus, la nuova SUV di Sant’Agata Bolognese, per la quale è stato dato il disco verde alla produzione grazie anche all’apporto del governo italiano: partendo dall’antenata LM002, si sono analizzati i dettagli di stile della Urus concept del 2012, dalla quale la nuova Urus prenderà spunto, soprattutto per la definizione degli esterni, mostrando infine un video in cui la vettura ormai vicina alla serie comincia timidamente ad apparire. Flavio Manzoni, dal Centro Stile Ferrari, ha invece portato quasi l’intero team di ragazzi, da lui stesso selezionati, che hanno progettato gli ultimi modelli del Cavallino rampante: nello specifico le protagoniste sono state le recentissime Ferrari FXX K e 488, con l’analisi dei dettagli esterni ed interni, ma si è voluto soprattutto rendere evidente il clima sereno, collaborativo e motivato con cui il gruppo affronta progetti molto difficili, per i quali è richiesto ogni volta un design iconico e al tempo stesso in grado di supportare la tecnologia estrema adottata. I ragazzi del Centro Stile hanno avuto modo di esporre direttamente il proprio lavoro; tra questi, Marc Poulein, già vincitore di Autostyle nell’edizione 2010.

Infine, le vetture esposte. La pioggia ha concesso fortunatamente una tregua nei due giorni di Autostyle, permettendo la possibilità di vedere alcune delle più belle automobili di recentissima produzione. Le supercar erano rappresentate dalla Ferrari FXX K, in una delle sue rarissime apparizioni pubbliche, e la nuova 488, mentre da Lamborghini sono arrivare Aventador e Huracan, nei colori pastello che ricordano le celebri livree tra fine anni ’60 e inizio anni ’70. Ha veramente catturato l’attenzione la nuova Alfa Romeo Giulia: il modello esposto, che è poi il medesimo dell’anteprima del 24 giugno ad Arese, è la Giulia Quadrifoglio in un rosso che appare più scuro rispetto ad altri tipi di “rosso Alfa”, con la possibilità di sedersi nell’abitacolo e visionare da vicino anche gli interni, ben rifiniti ed essenziali, disegnati con l’ausilio dei piloti collaudatori e dotati degli avvolgenti e leggerissimi sedili in carbonio. Sempre affascinante la spider Alfa Romeo 4C, qui con carrozzeria bianca, mentre è da segnalare una delle rarissime apparizioni della nuova Ford Mustang cabrio, promessa fin dallo scorso anno per tramite del designer Claudio Messale, che fa parte della giuria tecnica. Presenti anche vetture Jaguar, Fiat, Renault, Suzuki, Porsche, Peugeot; da segnalare anche una Mini d’epoca, legata a un’iniziativa itinerante di beneficenza.

Un’edizione importante, forse più di altre vissuta nel segno dell’emozione, e anche della “Favola” che, con impegno e determinazione, può diventare realtà: uno sguardo positivo verso l’appuntamento di Autostyle per il 2016.

I Commenti sono chiusi

Virtual Car
Automobili e Fantasia - translate
Salone di Parigi 2016
CATEGORIE
ARCHIVI

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Più informazioni

Il settaggio dei cookie per questo sito web è impostato su "permetti Cookies" per permetterti la miglior esperienza possibile di navigazione, Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare il settaggio dei cookie o premendo "Accetto" potrai proseguire la navigazione senza limitazioni. The Cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close