Articoli del 11 luglio 2012

« Nuova Opel Adam  -  Modena Cento Ore Classic 2012: video e breve resoconto della XI edizione »


10 consigli per gli aspiranti designer di automobili, di Patrick Lecharpy e Luciano Bove

di Redazione alle 19:54

Luciano-Bove-and-Patrick-Lecharpy-03-f520

Vi abbiamo già mostrato, grazie agli amici di Car Body Design, il video dell’interessante lezione/presentazione della Renault Twizy tenutasi presso la Scuola Politecnica di Design (SPD) di Milano; come preannunciato, vi proponiamo ora il testo completo in italiano dell’intervista realizzata ai designer Patrick Lecharpy e Luciano Bove, iniziando da alcuni interessanti consigli e suggerimenti per gli studenti di design e gli aspiranti designer d’auto: un “decalogo” che può diventare un’utile risorsa per chiunque sia interessato a intraprendere una carriera di design.

(PL: Patrick Lecharpy – LB: Luciano Bove)

1- Il design dell’industria di oggi

PL: «L’odierno mondo del design è molto più complesso rispetto ad un tempo: gli studenti devono essere aperti a livelli internazionali. Anche se la storia del design è tradizionalmente centrata sull’Europa e sugli Stati Uniti, il futuro non avrà confini. Questo è un aspetto estremamente importante, se sarete coinvolti in ambienti di design internazionali. La competizione sarà aperta in tutto il mondo e non solo tra tre o quattro scuole di design in Europa o negli USA. Le cose si stanno evolvendo molto velocemente: in nazioni emergenti come l’India, oggi è possibile trovare competenze che non si sarebbero potute trovare appena 5 anni fa.»

LB: «Io ho avuto la chance di studiare all’Art Center College of Design di Pasadena nel 1984, e dopo il mio ritorno in italia ho iniziato a lavorare nel 1989. Tre anni dopo ho iniziato a insegnare design di auto. Nel frattempo, le prime scuole europee di design stavano appena aprendo, consapevoli dell’importanza di offrire un’educazione specifica sul design dei trasporti, in competizione con le scuole giapponesi o americane, istituite da più tempo. Oggi abbiamo molte nuove scuole di design e in stati emergenti come Cina ci sono anche alcune università di stato che offrono corsi di design di mezzi di trasporto: hanno lavorato molto bene in tal senso, e in un periodo di tempo molto ridotto. Quando ho cominciato a insegnare in italia, abbiamo aperto a Torino il primo dipartimento di design dei trasporti, e ci sono voluti più o meno otto anni per raggiungere una qualità davvero alta. Oggi le scuole di design in Cina sono riuscite a raggiungere risultati notevoli in soli tre anni. Oggi la competizione è molto, molto più alta.»

2- Mentalità aperta

PL: «A volte è difficile per giovani creativi realizzare che non lavorano da soli: le basi della creatività risiedono nella personalità del creatore, comunque se nel passato questo poteva essere abbastanza, ora non lo è più. Nel mondo del lavoro servono ai giovani designer di solito 4 o 5 anni per essere finalmente operativi con un team. Durante questo periodo gli viene richiesto di interagire con differenti competenze e mentalità. Ḕ importante trovare il giusto equilibrio tra una forte personalità e un comportamento carismatico -che sono necessari per costruire una mente creativa- con una mente aperta verso le diversità e senza essere troppo egocentrici.»

LB: «Al fine di ottenere un lavoro nell’industria del design d’auto dovrete essere capaci di integrarvi in un team molto più velocemente di come si faceva ai miei tempi.
Oggi gli studenti non possono concentrarsi solo nelle capacità di disegno e di rendering -che sono comunque abilità essenziali; devono diventare padroni di se stessi al fine di essere capaci di gestire progetti e essere autonomi. Se volete sopravvivere in questo ambiente competitivo, dovete essere aperti a tutto durante tutta la vostra carriera, non solo durante il tempo speso a scuola e negli stage.»

3- Lavoro di squadra

PL: «Non dimenticate: il design automobilistico è un lavoro di squadra. Ḕ difficile per noi designer -specialmente quando siamo giovani- accettare che non siamo al centro dell’universo. Essere orgogliosi di se stessi e avere le proprie idee sono aspetti necessari, ma un veicolo è così complesso che non sarà mai solamente un tuo successo.»

4- Organizzazione del tempo

LB: «Avere delle buone capacità di disegno e modellazione è essenziale, ma la cosa più importante, come studente e come futuro designer o capo designer, è essere capaci di rispettare le scadenze. Quando si è in una scuola di design, non si è molto interessati al tempo. Si vuole essere “il migliore”, così l’importante è mostrare all’insegnante o al cliente uno schizzo molto bello o un modello perfetto. Ma nel mondo reale si affronta una data di scadenza, è piuttosto diverso. E spesso i designers di maggior talento sono quelli che hanno più difficoltà. Comunque, questa difficoltà può essere invertita e il tempo può diventare il tuo migliore amico se visto in modo costruttivo: può motivarti e aiutarti a trovare le migliori soluzioni dati i vincoli e il materiale a disposizione.»

PL: «Per avere successo bisogna innanzi tutto fare un’auto-analisi, e quindi le idee verranno più velocemente. Dopo questo, bisogna scegliere attentamente un’idea chiara e seguire quella. Non bisogna spendere troppo tempo a elaborare l’idea o cercare di portarla alla qualità perfetta.»

5- Vendere idee e presentare progetti

PL: «L’intelligenza di un nuovo concetto è ovviamente l’aspetto più importante di un progetto di design, ma spesso i giovani designers sottovalutano l’importanza di vendere i loro lavori- che sia a un insegnante o a un cliente. Un nuovo prodotto non produrrà emozioni spontaneamente: bisogna far emozionare la gente e questo è un aspetto importante del lavoro del designer. Per esempio, durante i meeting di lavoro incontrerete dei top managers molto occupati ed è cruciale catturare la loro attenzione creando una “pubblicità” sullo schermo, meglio con una piccola storia dietro, con musica e ambientazione: se avete intenzione di farlo, “avete già vinto metà battaglia”. Quando presentate un progetto a un insegnante o a un intervistatore, concentratevi su uno o due messaggi, e non più. Non mescolate tutto: siate concentrati, scegliete e siate efficienti.»

6- Prendere decisioni sul design

PL: «Quando create un nuovo prodotto o concetto dovete pensare per cosa è o non è fatto, cosa volete ottenere e cosa non volete ottenere. Fare queste scelte vi permetterà di creare qualcosa che risponde a domande specifiche. Non provate a risolvere ogni problema, fate delle scelte, anche se questo può essere difficile per i designers. Se siete capaci di fare le scelte giuste creerete un prodotto di successo, o in ogni caso finirete comunque con un ottimo risultato.»

7- Modellare a mano

LB: «Oggi con i modelli digitali CAD possiamo arrivare a più del 90% del prodotto. Quando hai preparato un modello e ci metti le mani sopra, troverai sempre aree che hanno bisogno di essere cambiate; e quando applichi uno strato di vernice, a volte realizzerai che non viene come lo hai immaginato. In questi casi dovrai scolpire e lavorare con l’argilla: è comunque un aspetto molto speciale e artistico del talento di un designer che i computers semplicemente non possono fare.»

8- Design onesto

PL: «Non promettete troppo dal design, siate onesti con i vostri clienti. Non disegnate una macchina che sembra veloce ma non la è.»

9- Essere curiosi

PL: «Non dobbiamo sopravvalutare il nostro ruolo di designers: abbiamo l’abilità di visualizzare le idee disegnando e facendo prototipi, mentre ingegneri, ricercatori di mercato, manager hanno abilità differenti ma molto importanti. Quando iniziate di solito avete una piccola conoscenza in questi campi, e questo è qualcosa che può svilupparsi con il tempo. Come designer avete bisogno di essere curiosi e guardare ovunque: le nozioni base dell’ingegneria, le tendenze internazionali, moda, disegno grafico, soddisfazioni del cliente. Questo vi permetterà di capire abbastanza da mettere elementi insieme e concretizzare le idee.»

10- Addestrare la creatività

PL: «La creatività non è spontanea. Come ogni altra abilità, la creatività ha bisogno di essere allenata durante il corso di tutta la vita.»

- Virtual Car via Car Body Design; traduzione italiana di Gabriele Chierici

Bookmark and Share



Nessun commento »

Non c’è ancora nessun commento.

RSS feed dei commenti a questo articolo.

Lascia un commento



« Nuova Opel Adam  -  Modena Cento Ore Classic 2012: video e breve resoconto della XI edizione »



VirtualCar.it   Google


Pagine


  • Iniziative

  • Servizi e utilità

  • Siti amici


  • Archivi:


    Meta

    RSS
    RSS dei commenti
    RSS English
    RSS FeedBurner


    Ultimi commenti:




    Argomenti Popolari:



    Virtualcar.it: Copyright © 2004-2013 ArtisImago - Alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons
    Content manager: ArtisImago P.I. 01036100111